Torna al programma

GIANNI MORETTI E CHIARA RONZONI

ESERCIZI DI FILATURA DEL TEMPO

VIDEO INSTALLAZIONE

Installazione audio-video in collaborazione con Guglielmo Trupia.

Ingresso libero e gratuito.

Esercizi di filatura del tempo è un percorso laboratoriale portato avanti durante l’anno negli spazi della Fondazione Il Lazzaretto. Lo scopo iniziale di questo esercizio era quello di far vivere ai partecipanti l’esperienza simbolica dell’invecchiare, in una prospettiva collettiva e comunitaria, mettendo in sinergia i metodi della Bioenergetica con un lavoro artistico ed espressivo che si è concretizzato nella realizzazione di un arazzo. Il Festival della Peste! sarà un momento per restituire al fruitore questo percorso, le memorie del gruppo e le sue trasformazioni, attraverso un video e le riflessioni dei partecipanti sull’esperienza del workshop.


Gianni Moretti | BIO
Gianni Moretti (Perugia, 1978), vive e lavora tra Milano e Berlino. La sua ricerca artistica è esposta in mostre personali e collettive in Italia e all’estero. Nel 2008 ha realizzato le scenografie per la “Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi” (Milano). Nel 2015 è stato nominato Accademico di Merito dall’Accademia di Belle Arti di Perugia. Dal 2015 è docente di “Anatomia dell’immagine” presso LABA, Libera Accademia di Belle Arti, Brescia. Il suo lavoro è presente in collezioni private e pubbliche: Museo di Palazzo Poggi, Bologna; Museo d’Arte Contemporanea, Lissone; Museo MAR, Ravenna; Museo storico della Resistenza di S.Anna di Stazzema, Lucca; Collezione Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano; Museo dell’Accademia di Belle Arti, Perugia.

Chiara Ronzoni | BIO
Psicoterapeuta con dieci anni di esperienza nell’ambito del sociale. Ha coordinato percorsi di prevenzione all’interno di istituti scolastici sui temi del bullismo, della sessualità e dell’affettività; ha gestito progetti di peer-education sulle dipendenze. Lavora presso una comunità milanese che si occupa di salute mentale e collabora con il consultorio Aied. Ha scelto di lavorare come terapeuta, e su se stessa, seguendo l’approccio bioenergetico, ovvero con la parola e con il corpo.