Torna al programma

JACOPO JENNA

Désir Mimétique. Progetto educativo di trasmissione e trasformazione del movimento da un archivio video.

Laboratorio

Evento gratuito fino a esaurimento posti

Durata: 2 ore


Laboratorio di danza dedicato ai bambini dagli 8 agli 11 anni, il nuovo progetto del coreografo e performer italiano Jacopo Jenna - tra i nomi di spicco della sua generazione -vuole porre l’attenzione sulla percezione di alcuni elementi legati alla danza contemporanea partendo dal concetto di imitazione, come elemento basilare della trasmissione culturale, verificando come determinate informazioni e qualità di movimento si replicano o si trasferiscono da una persona all’altra attraverso un processo mimetico. 

Il titolo è un riferimento libero al concetto di “desiderio mimetico”, teorizzato dell’antropologo francese René Girard, secondo il quale l’imitazione umana è alla base di molti fenomeni che caratterizzano il nostro comportamento. 

Il desiderio di imitazione è un sentimento di origine lontana, un bisogno che riguarda l’uomo fin dalla notte dei tempi, che gli ha permesso di evolversi e sopravvivere nel corso della storia, che si radica prima dello sviluppo di una ragione, di un pensiero, di un senso. Il corpo si pone al centro della discussione, come strumento sensibile per l’apprendimento e la trasmissione culturale, prima dello sviluppo di un linguaggio codificato. 

All’interno del laboratorio si allenerà il sentire e l’utilizzo dei nostri neuroni specchio, che diventano dispositivi per rendere possibile l’empatia, l’imitazione gestuale, forse anche quella razionale: sentire, ascoltarsi ed imitare ci permette di confrontarci, di stare nel flusso, di non pensare e far nascere nuove danze, altri spazi di libertà fisica dove anche l’errore diventa un elemento di novità, che trasforma il processo di imitazione nella creazione di qualcosa di nuovo ed inaspettato.

Una prima parte sarà dedicata ad una serie di esercizi ludici focalizzati all’ascolto del movimento, cercando elementi di relazione mimetica con una serie di immagini statiche dove viene rappresentato in una certa forma il corpo, determinando nei bambini, diverse qualità di movimento e di rappresentazione fisica. 

La seconda fase riguarderà invece la trasformazione di questi elementi osservando e copiando in diretta varie compilation di filmati composti da alcuni esempi di coreografie dell’ultimo secolo, dai balletti di Nižinskij, passando per Merce Cunningham, Yvonne Rainer o ai passi di street dance di oggi, innescando un gioco articolato di incorporazione tra stimolo, risposta e trasformazione in tempo reale, per sottrarre la ragione e stare nel presente. 


Partecipa

Requisiti partecipanti 
Per partecipare al workshop è necessario avere un’età compresa tra gli 8 e gli 11 anni.

Dati richiesti per l’iscrizione 
Per partecipare al workshop è necessario inviare una mail a call@illazzaretto.com specificando: 

• Nome e cognome 
• Data di nascita

Note
Si consiglia un abbigliamento comodo


BIO

Jacopo Jenna è un coreografo, performer e filmaker. La sua ricerca indaga la percezione della danza e la coreografia come una pratica estesa, generando vari contesti performativi in cui ricollocare il corpo in relazione al movimento. Laureato in Sociologia, si forma nella danza presso Codarts (Rotterdam Dance Academy). Si occupa di formazione e percorsi educativi per varie fasce di età elaborando nuove strategie di relazione con l’arte perfomativa. Ha collaborato in Europa con compagnie stabili, progetti di ricerca coreografica e vari artisti tra cui Jacopo Miliani, Caterina Barbieri, Roberto Fassone, Ramona Caia, Bassam Abou Diab. Il suo lavoro è prodotto e supportato da spazioK/Kinkaleri, ha presentato i suoi progetti presso festival ed istituzioni come Centrale Fies Dro, Virgilio Sieni – Centro nazionale di produzione Firenze, MART Rovereto, Contemporanea Festival Prato, Pépinières européennes pour jeunes artistes/Jeune Création-Vidéo Cinéma, Fondazione Palazzo Strozzi Firenze, Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci Prato, Fabbrica Europa Firenze, CROSS award, Danae Festival Milano, Short Theatre Roma, Dansem Marsiglia, Bipod Festival Beirut, Palazzo Grassi Punta della Dogana Venezia, Chantiers d’Europe – Théâtre de la Ville Parigi, Do Disturb – Palais de Tokyo Parigi, Mudam – Museo di arte contemporanea Lussemburgo, Aerowaves Twenty22. 

jacopoj.it