IL LAZZARETTO È IL LUOGO DEL CONTAGIO E DELLA CONTAMINAZIONE, DOVE GIOCARE CON CERTEZZE E CONFINI, PRATICARE DUBBI, PROVOCARE DOMANDE E SIGNIFICATI POSSIBILI. AL LAZZARETTO SI ENTRA CERTI, PER POI SCOPRIRSI SPAESATI, USCIRE STUPITI, TORNARE PIÙ CURIOSI DI PRIMA.


La Fondazione Il Lazzaretto è impegnata dal 2014 nell’ideazione di progetti culturali partecipati all’insegna della sperimentazione. I suoi ambiti di ricerca privilegiati sono le arti visive, la letteratura, la fotografia, le performing arts e le loro rispettive contaminazioni. La modalità di lavoro prevede l’attivazione di progetti originali, firmati dal team creativo del Lazzaretto o da professionisti esterni coinvolti ad hoc e sviluppati in sinergia con la Fondazione attraverso residenze, laboratori e workshop. Il risultato dei singoli progetti viene presentato al pubblico ogni anno nel mese di novembre all’interno del Il Festival della Peste!.

Dal 2018 il Lazzaretto promuove il Premio Lydia, dedicato al sostegno dell’arte emergente italiana e intitolato alla memoria della scultrice Lydia Silvestri, scultrice allieva di Marino Marini, a lungo ospite degli spazi dove ha attualmente sede la Fondazione.



www.illazzaretto.com